I regali non esistono

partecipazioni e inviti di nozze


Le partecipazioni arrivano almeno un mese prima dell'evento, ma sono quelle che creano aspettative nell'invitato, gli accennano lo stile, e danno un'idea dello svolgimento della giornata.

Accettare il menù dal catering, il Tableau della location e i segnatavoli della fioraia, tende a creare caos. Perché? Perché un catering che si occupa di culinaria ti regala i menù? Ci hai mai pensato? Boh, se non lo hai mai fatto ti ci ho fatto pensare io!

Perché non ti regalano una portata negli antipasti o la piccola pasticceria sul dopo cena? Perché ti regala i menù? Solitamente i catering si avvalgono di professionisti esterni e pagano loro questo "regalo", ma perché non si occupano del loro settore?

Perché la villa ti regala il Tableau de mariage invece di offrirti un servizio loro?
Semplicemente perché non è un regalo! È il classico specchietto per le allodole che ti dà la parvenza di risparmiare ma che in realtà toglie valore al tuo servizio.
Innanzi tutto il concetto di coordinato va a friggersi quando si abbinano tanti stili diversi, che si differenziano in carte e grafiche. Il coordinato grafico cartaceo dovrebbe essere abbinato un po' come lo era il corredo della nonna. Le lenzuola con le federe e il copriletto che riporta la stessa trina che si trova sulla balza del pigiama.
Perché ti dico questo?
Perché sempre più spesso trovo coppie che: "ma il menù da mettere sul tovagliolo me lo regala il catering"! E sempre più spesso rispondo che è un peccato che io non so fare le torte, sennò la Wedding cake gliela regalavo io! Se ti piace la proposta che ti presenta il catering, chiedi chi si occupa della loro grafica e fatti mettere in contatto per realizzare tutto il coordinato, se non verrà accolta la tua richiesta, è semplicemente perché, come ti dicevo prima, non è un regalo, ma una farsa.

Questo ovviamente sembrerà andare a mio discapito, avrei potuto almeno venderti le partecipazioni, penserai, ma no! Non è nel mio interesse. Mi piace lavorare dove anche la grafica viene presa sul serio come il resto degli accessori. Studi le bomboniere per mesi per far felici i tuoi ospiti e cercare di soddisfarli con un presente gastronomico, o utile o semplicemente bellissimo; e poi la grafica con la quale gli invitati staranno in stretto contatto tutta la giornata, la cedi al miglior offerente e la accetti in regalo senza curartene? Pensa che la cerimonia (sia religiosa che civile) durerà almeno mezz'ora (rito civile) e poco più di un'ora quella religiosa e che gli invitati staranno seduti con il libretto in mano per tutto il tempo. Poi c'è il ricevimento: mentre gli invitati aspettano gli sposi che tornino da fare le fotografie, dopo aver consultato il Tableau che indica loro dove occupare posto a sedere, si siederanno e passeranno lì molto tempo, prima e durante tutta la cena. Spesso si troveranno a consultare il menù per eliminare l'effetto sorpresa e lo controlleranno molteplici volte. Ci sarà chi s'intratterrà giocherellandoci, e chi comunque lo terrà in mano. Per te sicuramente non avrà senso, ma per me è fondamentale che questi aspetti siano coordinati in apparenza e sensi: sì i sensi, l'odore della carta, il tatto (la grammatura della carta, la sua superficie, e tutto ciò che comporta (ovviamente tutti i sensi, ma non il gusto! ;)).
Ogni fornitore si occupa di un settore, perché io, che mi occupo di grafica, dovrei regalarti i collant o la tiara? Che senso ha? Tutt'al più potrebbe avere un senso se ti regalassi i bigliettini per le bomboniere, o dei tag, ma che senso ha che io ti regali un accessorio dell'abito o una portata della cena?? Al massimo potrei pensare a proporti uno sconto, ma un regalo che non è di mia competenza, non ha proprio senso…perché per me sarebbe un costo e a mia volta dovrei recuperarlo dal tuo servizio.

Perché tutto questo poema? Perché il mondo del Wedding nell'ultimo anno ha subito più perdite che mai e i fornitori appartenenti a ogni ramo del settore matrimoni cercano di accaparrarsi il cliente (oggi più di sempre) con regali e omaggi. Prima essere una venditrice mi piace fare ciò che faccio da sempre e che amo fare, occuparmi della grafica e creare coordinati unici che rappresentino solo la coppia in questione, ma anche se non c'è scritto il mio nome, sono un po' figli miei e devono pur sempre fare bella figura e se la faranno loro, la farete anche voi sposi!
Gli ospiti notano sempre i dettagli… nel bene e nel male!

Giulia M. - Graphicplanner
Giulia M. graphicplanner©


CAMBIA ARTICOLO